Andrea Barchiesi e Auro Palomba annunciano la loro nuova joint venture: Reputation Science

Community Group e Reputation Manager insieme per gestire la reputazione di aziende, manager e istituzioni in modo scientifico e integrato: per Auro Palomba, Chairman di Community e della nuova joint venture, la tradizionale barriera tra online e offline diventa sempre più obsoleta.

Auro Palomba

Auro Palomba: gli obiettivi di Reputation Science

Il 23 luglio 2018 ha preso il via la joint venture tra Community Group, leader nel settore della consulenza nell’ambito della comunicazione, e Reputation Manager, leader in Italia nell’analisi e gestione della reputazione online per brand e figure di rilievo pubblico. I due fondatori, Auro Palomba e Andrea Barchiesi, uniscono le risorse e le competenze delle rispettive società per sfruttare in sinergia le tecniche di comunicazione tradizionale e digitale, mettendo a disposizione dei clienti un servizio scientifico e integrato per la gestione e la tutela della loro reputazione. La joint venture è la prima società in Italia a offrire questo tipo di servizio di gestione reputazionale per aziende, manager e istituzioni, grazie al supporto di circa 80 professionisti tra esperti di comunicazione, analisti, consulenti e ingegneri provenienti da Community Group e Reputation Manager. Auro Palomba riveste il ruolo di Chairman nella nuova società, mentre Andrea Barchiesi quello di CEO.

I commenti di Auro Palomba sulla joint venture Community Group – Reputation Manager

“Ogni impresa, istituzione o manager”, ha dichiarato Auro Palomba in seguito alla nascita di Reputation Science, “sa bene quanto la reputazione sia un asset centrale nella capacità di perseguire i propri obiettivi di crescita. Con l’esplosione dell’accesso alla rete, sono cambiati i paradigmi della comunicazione: restare invisibili non è più un’opzione percorribile, dal momento che i media e le community – online e offline – hanno sempre più la capacità di definire la nostra identità anche in modo autonomo, se il flusso di informazioni non viene gestito.” Le basi rimangono invariate, lo scopo è far sì che le aziende raggiungano il loro pubblico attraverso una reputazione solida, utilizzando approcci e linguaggi sempre nuovi. Per questo è necessario dotarsi di un metodo scientifico e rigoroso, che unisca mondo offline e online per far fronte allo scenario complesso in cui siamo ormai avviati. “La capacità di parlare ai propri stakeholder rende obsoleta la tradizionale barriera tra comunicazione online e offline, e sempre più necessaria una gestione integrata della reputazione”, ha concluso Auro Palomba.

 

Annunci