Inaugurata la camera climatica della REFRION di Talmassons

L’investimento di 1.5 mio di Euro rende la company friulana ancora più competitiva sul mercato globale. Presenti anche Debora Serracchiani, l’Università degli Studi di Udine, Confindustria e il Sindaco di Talmassons Pier Mauro Zanin.

Refrion ha compiuto un nuovo importante investimento che la posiziona ai vertici tra i costruttori nel mercato di riferimento: sabato 17 dicembre 2016, presso il quartier generale a Talmassons (UD), l’azienda ha infatti inaugurato la camera climatica più grande d’Europa dedicata ai test sulle prestazioni dei liquid coolers, gli apparecchi ventilati per il raffreddamento dei liquidi di processo, interamente realizzati presso i suoi stabilimenti ed esportati in tutto il mondo.
Una struttura unica nel suo genere per la quale sono stati investiti 1,5 mio di Euro e che permette all’azienda di avere un grosso vantaggio competitivo sul mercato. Sono infatti pochissime le aziende che possono vantare test così specifici, basati su condizioni reali e su apparecchiature finite anche delle più grandi dimensioni.
“La struttura rappresenta un terminale del nostro processo produttivo e ci permette di testare le unità a marchio REFRION nelle esatte condizioni operative definite dai nostri clienti. Una garanzia che oggi possiamo dare in forma esclusiva e che ci permette di aggiungere valore alla nostra offerta.” – dichiara Daniele Stolfo, Amministratore Delegato di REFRION, azienda che da 14 anni opera a livello mondiale nell’ambito della produzione di apparecchi ventilati e scambiatori di calore.

Durante l’evento, che ha coinvolto clienti, fornitori, dipendenti ed autorità, sono state presentate le caratteristiche tecniche della camera climatica che si distingue soprattutto per la sua grandezza: 250 mq all’interno dei quali è possibile accogliere unità di grandi dimensioni (fino a 14 m di lunghezza) che sostengono capacità di scambio termico fino a 2,2 MW e portate d’aria oltre i 700.000 m3/h. Al suo interno si possono sviluppare temperature che variano da 0 fino a +45°, così da riprodurre le condizioni climatiche più avverse nelle quali le unità possono essere installate.
Inoltre, un settore della camera climatica è interamente dedicato ai test sui prototipi affinché si possa accelerare l’attività del reparto Ricerca & Sviluppo. Ed è proprio grazie al grande lavoro di ricerca che l’azienda continua a mantenere alto il livello di competitività globale, sviluppando, tra le altre, alcune tra le più avanzate innovazioni nel settore e producendo apparecchiature che da sempre si distinguono per efficienza e sostenibilità.
“La nostra azienda è in continua evoluzione e ne è testimonianza la costante crescita in termini di fatturato. – afferma Daniele Stolfo, che aggiunge: “Questa è la più importante tra le operazioni che abbiamo previsto per il triennio 2016-2018, periodo entro il quale vogliamo raggiungere un fatturato aggregato di circa 30 milioni anno con investimenti pari ad oltre 7 milioni di Euro.”

SERRACCHIANI, REFRION DI FLUMIGNANO RIFLETTE POLITICA SVILUPPO SOSTENUTA DALLA REGIONE: “E’ un’azienda che investe nella ricerca e nello sviluppo, e nella propria capacità di stare sul mercato, che per questo è riuscita ad affermarsi, e continua a fare investimenti perché, in questo modo, è in grado di essere sempre pronta ad affrontare nuove sfide”.

Con queste parole la Presidente della Regione, Debora Serracchiani, è intervenuta al taglio del nastro inaugurale del primo laboratorio climatico in Europa dedicato ai test prestazionali delle unità di raffreddamento per applicazioni industriali, all’azienda Refrion, di Flumignano di Talmassons.
I traguardi dell’azienda guidata dal CEO Daniele Stolfo, il quale ha condotto la cerimonia inaugurale, come ha detto Serracchiani, rappresentano anche la concretizzazione del risultato al quale la Regione ha voluto arrivare mettendo in linea i finanziamenti per la ricerca e lo sviluppo, e aiutando le imprese ad affrontare meglio la burocrazia, per poter ottenere le risposte necessarie per crescere e consolidarsi”.

La camera climatica rappresenta un investimento anche in termini di formazione, è infatti volontà espressa dall’azienda quella di stringere una sinergia con l’Università degli Studi di Udine per permettere agli studenti di cimentarsi nello studio e test delle apparecchiature prodotte dalla company friulana. La Dott.ssa Patrizia Simeoni, Docente di Impianti Meccanici all’Università degli Studi di Udine e Delegata del Rettore per l’Energia dichiara: “Oggi abbiamo assistito ad un bell’esempio di come Università e industria, ricerca e territorio, possano utilmente collaborare per essere centrali nel panorama Europeo. Ringraziamo Refrion che collabora anche nella formazione dei nostri futuri ingegneri grazie ad assegni di ricerca che consentono di completare la loro formazione tecnico-scientifica con esperienze sul campo.”

Tra le realtà industriali più floride in Regione, con un organico di circa 110 persone dislocate nelle sedi di Talmassons, Villa Santina e Hermagor (AUT) ed unità installate in prestigiosi edifici in tutta Europa, REFRION ha ricevuto un plauso anche da parte del Sindaco di Talmassons Pier Mauro Zanin che nel suo intervento ha dichiarato: “La Refrion è l’esempio di un Friuli che sa affrontare le sfide del futuro partendo dal territorio e dalla capacità di ‘fare’ delle nostre comunità  ma con uno sguardo all’ innovazione  e alla ricerca, che rappresentano gli strumenti per aprirsi ad un mercato globale senza perdere i valori del locale. In questa azienda ho potuto respirare un’etica dei comportamenti e una dedizione al lavoro che ne fanno una realtà con una reputation tra le migliori della nostra terra.”

Anche il Vice-Presidente Vicario di Confindustria Udine Michele Bortolussi è intervenuto portando la voce dell’Associazione di categoria: “Una azienda capace di confrontarsi con il mercato internazionale, misurandosi con player che sono multinazionali, un leader riconosciuto nel mercato dei Dry Coolers attraverso prodotti di ultima generazione a basso impatto ambientale. L’innovazione per questa azienda rappresenta un percorso virtuoso che registra ora un’altra tappa cruciale con un investimento da un milione e mezzo di euro. Un esempio verso la quarta rivoluzione industriale”.
Con l’introduzione della camera climatica REFRION amplia le sue mire ed è pronta a continuare ancora con più forza la propria espansione verso nuovi mercati come quello del Nord America, al quale si è affacciata di recente.

INFORMAZIONI TECNICHE
Dimensioni camera
• Lunghezza = 20 m
• Altezza = 6 m
• Larghezza: Totale = 12,5 m; Efficace = 7,5 m
• Dimensione massima unità: lunghezza = 13,5 m; larghezza=3,0m; altezza 3,5m.

Campo di funzionamento
• Temperatura aria in immissione: 0°C / +45 °C
• Umidità relativa aria: 40% / 70%
• Temperatura / portata acqua in ingresso: 50 °C / 400m3/h (fino a 100°C/ 30 m3/h)

Gruppo REFRION – http://www.refrion.com
Il gruppo Refrion è produttore leader di mercato in Europa nel settore degli apparecchi ventilati ad uso industriale. Fondato nel 2002 con il marchio X-Change, oggi Refrion conta un organico di oltre cento collaboratori dislocati nei diversi stabilimenti di produzione gestiti tra Italia e Austria. Nel 2015 il gruppo ha registrato un fatturato di oltre 23 milioni di Euro. La chiave del successo dell’azienda risiede nella continua ricerca di soluzioni sempre più avanzate, che rispondano a tutti i requisiti in termini di efficienza, qualità e rispetto dell’ambiente. Refrion è una delle due uniche aziende in Italia a partecipare al programma di certificazione Eurovent per gli apparecchi ventilati. Tra le innovazioni più importanti di Refrion si ricordano Ecooler, il liquid cooler che sfrutta il sistema adiabatico industriale per l’umidificazione dell’aria in aspirazione e comprende un sistema di ricircolo che minimizza i consumi d’acqua; il quadro di controllo Digital Intelliboard sviluppato da Refrion per la regolazione dei ventilatori a commutazione elettronica (EC) funzionale al risparmio di energia e al controllo della rumorosità e l’esclusivo “tubo ovale” per la realizzazione degli scambiatori di calore a pacco alettato che garantisce performance migliori grazie alla riduzione delle perdite di carico lato aria.

Per ulteriori informazioni:
Alessia Toppan | PR Account
m. + 39 346 2614039 – t. + 39 0432 886649
alessia.toppan@bluwom.com

Annunci