Petrolio WTI e Brent: ecco le differenze.

In un tentativo di avvicinarsi alle tematiche del petrolio, ci si scontra con le diverse varietà di greggio estratte in ogni parte del mondo.

Bisogna infatti sapere che il petrolio non è tutto uguale e la sua composizione chimica varia da zona a zona di estrazione. Si può fare un esempio simile pensando a diverse varietà di rocce o a qualsiasi altra materia prima. La natura ha creato migliaia di piccole differenze che fanno cambiare la consistenza, la composizione e di conseguenza il pregio della varietà della materia considerata.

Questo accade anche per il petrolio. Volendo ricavare il valore commerciale di una varietà bisogna considerare, a parità di altri fattori determinanti economici e geopolitici, la leggerezza o pesantezza del petrolio. Un petrolio leggero ha un valore economico più alto di un petrolio pesante perché da esso si ricaverà una maggiore quantità di prodotti derivati quali benzina e gasolio.

Per questo la API (American Petroleum Insitute) ha stabilito un indice chiamato grado API per classificare le molteplicità di petrolio esistenti ed estratti ogni giorno in tutto il mondo. E’ tuttora il grado più utilizzato nel settore di riferimento per classificare una varietà di greggio. E’ molto complicato trovare uniformità di classificazione in base al grado API poiché ogni relazione redatta da chi ha interessi in un particolare petrolio cercherà di far ricadere la propria varietà di petrolio nella categoria di petrolio leggero più pregiato.

Per questo, a secondo della fonte, i greggi leggeri saranno le varietà con grado API minore di 25, 30 o 35 mentre i petroli pesanti sono rappresentati da quelli con un grado minore.

Tuttavia il grado API di per sé è una misura incontrovertibile ed i petroli più pregiati sul mercato sono il WTI e il Brent.

Il WTI (West Texas Intermediate) è classificato come un petrolio leggero dolce e gli viene attribuito un grado API di 39,6 mentre Il Brent (estratto nel nord Europa) è leggero e dolce registrando un grado API di 38,06.

Il grado API rappresenta anche una misura di densità poiché sotto il valore di 10 il petrolio sarà più denso dell’acqua e tenderà ad affondare mentre il petrolio con grado maggiore di 10 tenderà a galleggiare sull’acqua.

Il Brent e il WTI, rispettivamente in Europa e nord America, sono utilizzati come benchmark per altre qualità di greggio. Un terzo benchmark utilizzato nel Medio Oriente è invece il Dubai (un paniere di greggio di Oman e Dubai) che ha un grado API di 31, leggermente meno pregiato di quelli prima citati.

barili di petrolio

Dal punto di vista degli scambi sul mercato finanziario il WTI e il Brent guidano di gran lunga il volume di scambi. I mercati che più effettuano transazioni su queste varietà sono l’ICE e il CME Group, entrambi statunitensi anche se il maggiore numero di scambi sul Brent europeo sono effettuati sulla piattaforma ICE di Londra.

E’ possibile seguire il prezzo petrolio di entrambi i greggi e vederne l’andamento in tempo reale sapendo che la quotazione è determinata in dollari USA al barile di petrolio.

In termine giornalieri, il numero di contratti per questi 2 maggiori piattaforme sono nell’ordine del milione ciascuno con una leggera prevalenza del WTI sul Brent rendendola una delle materie prime più scambiate al mondo.