Milano Natura organizza il closlieu, l’atelier di pittura e di espressione secondo la pratica di Arno Stern per bambini, ragazzi ed adulti dove dipingere è spontaneità per dare luce alle caratteristiche personali

2016-10-16 13.55.18
Da ottobre 2016 a maggio 2017
ogni giovedì dalle 17,00 alle 18,15 e due we al mese il sabato dalle 14,30 alle 15,45
Milano Natura – Piazza Napoli 30/6 – 20146 Milano

Come rendere possibile a tutti il gioco semplice e benefico della pittura? Creando le condizioni adatte a superare i pregiudizi e le inibizioni. Tutti sono capaci – proprio come lo è il bambino piccolo – di lasciarsi andare a questo gioco, quand’esso si svolge in uno spazio messo a punto a questo fine. Questo spazio è il Closlieu.
Il Closlieu è una piccola stanza magica, nata per accogliere un’attività naturale ed antica… quella del dipingere. Secondo la pratica Arno Stern, nel Closlieu si dipinge in piedi, con fogli appesi al muro, con ottimi pennelli e buoni colori, animando un gioco fatto di gesti personali. L’individuo si concentra, trasforma la superficie bianca del foglio in uno spazio vivo, dove può esprimersi. Attraverso questa concentrazione acquisisce forza e sicurezza, perché si realizza senza competizione, né riferendosi ad un modello. Crea un universo a misura dei suoi desideri.

Chi entra per la prima volta nel Closlieu difficilmente resta indifferente. La piccola stanza chiusa, silenziosa e vibrante di colori, ci riporta all’epoca lontana della gestazione. Un luogo intimo e protetto, dove si può tornare ad essere se stessi in modo autentico e naturale, esprimendosi in assoluta spontaneità. Il Closlieu permette un’esperienza straordinaria, lontana dai ritmi frenetici e dai condizionamenti di tutti i giorni. In questo

luogo intimo e protetto ci si allontana momentaneamente dal reale per dare possibilità all’espressione e alla forza personale di emergere nel gruppo costituito. L’attività nel Closlieu non è una terapia; ma è preventiva di terapia perché stimola capacità che permettono all’individuo di realizzarsi. Essa sviluppa precisamente attitudini che la cultura ha soffocato e fa di ciascun essere, qualunque sia il momento in cui si dedica alla Formulazione, una persona più completa.

Ognuno dipinge per se stesso e per il proprio piacere e i dipinti non destano commenti o considerazioni. Di conseguenza è necessario che chiunque partecipi al Closlieu – bambino o adulto che sia – non debba pensare a nessun’altra fruizione che la propria, assoluta e non giudicante. Il pensiero di un destinatario al di fuori di sé o di una qualsiasi finalità esterna compromette dalle fondamenta l’esperienza del Closlieu.

Dipingere nel Closlieu non è un’attività che si svolge per caso o una volta ogni tanto: le persone dai 3 ai 99 anni ritrovandosi settimanalmente per circa un’ora e mezza da ottobre a maggio, acquisiscono concentrazione, capacità di impegno e rigore, amplificando le proprie capacità. Attingendo alla propria interiorità portano alla luce le proprie caratteristiche personali e, indipendentemente dall’età, divengono consapevoli di essere unici e irripetibili. Imparano quanto le loro possibilità siano infinite.

Presente ad ogni corso c’è il “praticien” che è il servitore dei gesti all’interno del Closlieu. Il giovedì come praticien c’è Calice Cattaneo mentre il sabato Gèrard Mangiagalli. Il praticien permette il gioco del dipingere rimanendo in contatto costante con ogni partecipante e proponendosi come riferimento per ognuno, ma solo per quanto riguarda il benessere delle persone e per risolvere le difficoltà tecniche nell’uso degli strumenti.

Per informazioni:
Digital PR a cura di Blu Wom Milano
http://www.bluwom-milano.com
p.fabretti@bluwom-milano.com