Dall’acquisto alla gestione: risparmiare sulla stampante

Per molti, oggi, la stampante rappresenta un macchinario fondamentale, da possedere e gestire in casa propria senza la necessità di recarsi presso copisteria per documenti e fotocopie. D’altra parte, occorre affrontare costi relativi all’acquisto del device ma anche per la successiva gestione e la sostituzione di toner o cartucce per stampanti. Una gestione accurata di ognuna delle fasi, però, permette di abbattere i costi e di amministrare al meglio la sua manutenzione.

Acquisto: la tecnologia inkjet costa meno

Sul mercato esistono due diverse tecnologie che supportano la stampante: la inkjet (o a getto d’inchiostro) e la laser (o a LED). La prima tipologia di stampante presenta costi inferiori anche in maniera consistente e, anche per tale ragione, è considerata la più adatta per uso domestico. D’altra parte, molto dipende anche dalla tipologia di utilizzo poiché le stampanti laser offrono prestazioni decisamente più soddisfacenti in caso di utilizzo frequente e per una vasta mole di documenti di stampa, specialmente se si tratta di file a prevalenza testuale (non a caso, uffici e contesti che ricorrono a un ampio utilizzo di materiale cartaceo scelgono i dispositivi LED).

Toner e cartucce

Il toner, che implementa le stampanti laser, costa quasi il doppio rispetto alle cartucce che montano sulle getto d’inchiostro ma ha anche una durata molto più lunga. Le stampanti laser entrano a regime massimo nel giro di qualche minuto e, per tale motivo, sono adatte a un uso sistematico nel corso della giornata; utilizzando la tecnologia in questo modo, il toner può valorizzare al massimo le proprie caratteristiche, emergendo come la soluzione preferibile; in caso contrario, è meglio puntare sulle inkjet.

Gestire la stampa

Impostando la modalità “bozza” per documenti di scarsa rilevanza è possibile abbattere il consumo di inchiostro. Un’altra soluzione salva-serbatoio è quella di adottare font a scarso consumo, tra cui i diffusissimi Times New Roman, Verdana e Calibri. Una possibilità ancora più performante è quella di scaricare il carattere forellato Ecofont che, grazie alla sua peculiarità, abbatte in modo consistente l’utilizzo di inchiostro.

Annunci