IBM e ARM collaborano per accelerare lo sviluppo dei progetti Internet of Things

logoIBMLa piattaforma IBM Cloud IoT è concepita per offrire nuove funzionalità di gestione dei dispositivi, di risk management e di analytics e un nuovo servizio IoT for Electronics

 ARMONK, NY , 9 settembre 2015 – IBM ha annunciato un’espansione della sua piattaforma Internet of Things (IoT), denominata IBM IoT Foundation, attraverso un’integrazione con ARM, in grado di fornire connettività immediata alle funzionalità di analytics con i dispositivi ARM® mbed-enabledTM. Questa integrazione permetterà di raccogliere, analizzare e sfruttare enormi quantità di dati provenienti da apparecchi industriali, sensori meteorologici e dispositivi di monitoraggio indossabili.

IBM ha anche annunciato il primo di una serie di servizi IoT basati su IBM Cloud e specifici per il settore: IoT for Electronics. Questo servizio consentirà alle aziende dell’elettronica di raccogliere dati provenienti dai singoli sensori e combinarli con altri dati per effettuarne l’analisi in tempo reale.

IBM IoT Foundation è una piattaforma sulla quale è stata realizzata una famiglia di offerte completamente gestite e hosted sull’infrastruttura cloud di IBM basata su SoftLayer. IoT Foundation rende più semplice ricavare valore dai dispositivi IoT. Essa comprende:

  • strumenti di analitica in grado di gestire grandi quantità di dati in rapido cambiamento;
  • accesso a IBM Bluemix, la Platform-as-a-Service di IBM, che è in grado di gestire l’immenso flusso di dati e fornire in qualsiasi momento l’accesso ai responsabili delle decisioni;
  • sistemi di sicurezza in grado di aiutare le organizzazioni a proteggere i dati IoT con lo stesso livello di attenzione applicato alle proprie informazioni finanziarie, di IP e strategiche.

“L’implementazione della tecnologia IoT deve essere semplice, sicura e scalabile, per far sì che venga percepita come una naturale estensione del business di un’azienda,” ha dichiarato Krisztian Flautner, General Manager, IoT business presso ARM. “Grazie alla collaborazione con IBM, saremo in grado di offrire la prima piattaforma IoT unificata chip-to-cloud di livello enterprise. Ciò consentirà alle aziende di qualsiasi dimensione di avere a disposizione uno strumento in grado di trasformare agevolmente le proprie modalità operative, nonché i servizi che esse possono offrire.”

L’integrazione tra IBM e ARM permetterà ai prodotti alimentati da chip mbed-enabled di ARM di registrarsi automaticamente su IBM IoT Foundation, nonché collegarsi ai servizi di analytics di IBM. Ciò consente di unificare la IoT Device Platform mbed di ARM e la IoT Foundation di IBM, esattamente nel punto in cui le informazioni raccolte dai sensori distribuiti su tutti i dispositivi connessi vengono trasferite al cloud per l’analisi. La connessione IoT offre inoltre funzionalità per il controllo delle apparecchiature oppure fornisce agli utenti allarmi o altre informazioni. Ad esempio l’attivazione di un messaggio di allarme su una lavatrice per chiedere al proprietario di confermare un appuntamento con un tecnico dell’assistenza se viene rilevata un’anomalia.

Questa integrazione può aiutare i clienti a migliorare la relazione con i propri clienti, ad accelerare l’innovazione e a rendere più efficaci le attività attraverso i dispositivi connessi e l’analisi dei dati. L’hardware personalizzato costruito sulla tecnologia chip, flessibile ed efficiente, di ARM e i servizi IoT di IBM per la manutenzione predittiva, una più efficace performance degli asset, la gestione dei rischi operativi e la gestione continua dell’ingegneria di prodotto, possono contribuire a fornire alle organizzazioni strumenti di livello enterprise progettati per aiutarli ad accrescere il valore dei propri dispositivi IoT. Terzisti e OEM (come ad esempio Ionics) sono già in grado di apprezzare il valore nell’integrazione tra IBM e ARM, grazie all’assimilazione di IBM IoT Foundation a livello di architettura chip.

“Siamo entusiasti di collaborare con IBM, perché riteniamo che un’efficace soluzione IoT debba essere realizzata ex novo (partendo dal chipset attraverso lo sviluppo di servizi) ed è di gran lunga la scelta migliore per avere una soluzione end-to-end completa,” ha detto Earl Qua, Vice Presidente di Ionics. “Collaborando con IBM abbiamo fatto leva sulle competenze delle rispettive aziende per creare una piattaforma costruita e personalizzata sulle modalità esclusive con cui viene utilizzata la IoT.”

Le aziende di elettronica stanno già adottando i servizi cloud di IBM per connettere qualunque cosa, dalla lavastoviglie agli Smart TV, alle apparecchiature audio di livello professionale:

“Grazie all’utilizzo dei servizi IoT IBM, siamo in grado di gestire e controllare in tempo reale i contenuti Smart TV in oltre 30 paesi. Questo ci offre l’opportunità di bilanciare continuamente i costi con la possibilità di offrire al cliente un’esperienza più gratificante. Inoltre, abbiamo eliminato la necessità di configurare l’hardware all’interno di un’infrastruttura IT tradizionale, il che ci permette una drastica riduzione dei tempi di provisioning,” ha dichiarato Marc Harmsen, Global Marketing Lead and Product Manager EMEA Philips Television presso TP Vision.

“In Gibson Innovations, sono design e qualità ad indicare la strada. I servizi di IBM, che sfruttano cloud, IoT e analitica, ci permettono di offrire un’esperienza utente esclusiva per i dispositivi connessi. L’analitica avanzata consente inoltre lo sviluppo di nuove applicazioni e servizi, nonché la gestione e il monitoraggio dei dispositivi in un’infrastruttura ad elevata sicurezza. Tutto ciò è estremamente utile per mantenere e aumentare la fedeltà tra i nostri clienti”, ha dichiarato Henry Chiarelli, Executive Vice President di Gibson Brands.

“Sin dal 2008, IBM ha aiutato migliaia di clienti ad adottare l’Internet of Things: per aiutare le città a diventare più intelligenti, gli ospedali a migliorare l’assistenza al paziente e le istituzioni finanziarie a gestire meglio il rischio,” ha dichiarato Pat Toole, General Manager, Internet of Things presso IBM. “L’IoT si trova ora ad un punto di flessione e ha bisogno dell’esperienza di IBM sui big data e della competenza di ARM sui “little data” per poter sviluppare il suo potenziale a livello globale.”

Per maggiori informazioni su IBM IoT Foundation o IBM IoT for Electronics, visitate il sito www.IBM.com/IoT.

Per maggiori informazioni su IBM, visitate il sito www.IBM.com

Per maggiori informazioni su ARM, visitate il sito www.ARM.com

 

Ufficio Stampa

Morgana Stell

morgana.stell@it.ibm.com

02 59620963; 335 7693528

Ketchum per IBM

Eros Bianchi

eros.bianchi@ketchum.com

tel. 02 62411911

Annunci